Indice del forum

Taverna dei Briganti

Games in Taverna & due chiacchiere con l'Oste... Congrega ludico-culturale-antagonista-et danseurs...

Gruppi utentiGruppi utenti  Lista degli utentiLista degli utenti    Pannello UtentePannello Utente  RegistratiRegistrati 
 FlashChatFlashChat  FAQFAQ  CercaCerca  Messaggi PrivatiMessaggi Privati  StatisticheStatistiche    LoginLogin 
   DownloadsDownloads      Topics recentiTopics recenti  

Annina Avaaz
Utenti che stanno guardando questo topic:0 Registrati,0 Nascosti e 0 Ospiti
Utenti registrati: Nessuno

Vai a pagina Precedente  1, 2, 3, 4, 5, 6, 7, 8, 9, 10  Successivo
 
Nuovo Topic   Rispondi    Indice del forum -> Annina's Corner: di tutto un po'...
PrecedenteInvia Email a un amico.Utenti che hanno visualizzato questo argomentoSalva questo topic come file txtVersione stampabileMessaggi PrivatiSuccessivo
Autore Messaggio
Annina

Saggio
Saggio


Iscritti

Sesso: Sesso:Femmina
Età: 48
Registrato: 15/08/10 09:07
Messaggi: 529
Annina is offline 

Località: Salsomaggiore Terme





italy
MessaggioInviato: Lun Gen 06, 05:52:41    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

A Io
Gen 3 alle 5:00 PM
Cari amici della comunità di Avaaz,



Quasi 15mila delfini vengono uccisi ogni anno nelle acque del Perù per poi essere usati come esche per catturare squali in pericolo di estinzione. Una nuova inchiesta ha costretto il governo ad esprimersi contro il massacro ma non stanno ancora facendo nulla di concreto e nel frattempo i delfini e gli squali continuano a essere uccisi. Possiamo fermare questo massacro se diventiamo una minaccia per la reputazione internazionale del Perù come meta turistica. Firma ora e condividi:

FIRMA LA PETIZIONE
Ho appena visto un filmato scioccante girato in Perù in cui si mostra come i pescatori stiano massacrando circa 15mila delfini ogni anno per usarli come esche per catturare squali in pericolo d'estinzione. Questa storia assurda mi ha fatto stare malissimo e ora sto lottando per mettere fine a questo incubo. Ti unisci a me?

Il governo del Perù si sta svegliando ora, ma non sta facendo abbastanza. La caccia ai delfini è già illegale e punibile con diversi anni di prigione, ma le autorità si girano dall'altra parte per non vedere, lasciando massacrare migliaia di delfini e squali. Quello che però importa, e molto, al governo è la reputazione del Perù nel mondo, specialmente per il turismo e se riusciremo a metterli sotto pressione con una campagna globale e di massa, sono sicura che cominceranno a fare veramente qualcosa per mettere fine al massacro.

Non appena avremo raccolto un milione di firme da tutto il mondo rivolte al governo del Perù, Avaaz comprerà delle pagine a pagamento su riviste turistiche dei paesi da cui provengono il maggior numero dei turisti e il governo non potrà più ignorarci! Aiutami a fermare questa brutale mattanza firmando ora:

http://www.avaaz.org/it/dolphin_hunt_peru/?bBgiwbb&v=33628

Quando sono venuta a sapere di questa terrificante caccia al delfino ho capito di dover fare qualcosa prima che per delfini e squali sia troppo tardi. Allora ho deciso di far partire una petizione, condividendola con i miei amici e in meno di 24 ore l'hanno firmata più di 10mila persone!

I nostri oceani sono sotto attacco. Squali e delfini sono già minacciati da inquinamento, cambiamento climatico e dal rischio di finire intrappolati nelle reti da pesca. Giocano un ruolo importante come predatori dell'oceano e devono essere protetti, non sterminati. Molti ecosistemi marini rischiano un collasso dal quale non si potranno riprendere e non aspetteranno che i nostri politici smettano di fare dichiarazioni a cui non danno seguito.

Il turismo è la terza industria del Perù, e cresce molto più velocemente che in qualsiasi altro paese del Sud America. I visitatori vengono ad ammirare la nostra natura incontaminata e l'eco-turismo è sempre più importante. E se pubblicheremo le nostre dure accuse su giornali e riviste dei paesi chiave da cui provengono la maggior parte dei visitatori, faremo capire che il turismo è a rischio. Il nostro governo capirà che le persone non solo amano il nostro paese per il Machu Picchu e la cucina locale ma anche per i nostri oceani e la nostra fauna. Firma ora e condividi con tutti:

http://www.avaaz.org/it/dolphin_hunt_peru/?bBgiwbb&v=33628

In quanto membro di Avaaz sono ammirata dalla nostra capacità di proteggere i nostri oceani. Inizialmente, volevo raccogliere 15mila firme per rappresentare i 15mila delfini uccisi ogni anno, ma assieme possiamo rappresentare tutti i delfini e gli squali che possono essere salvati nelle acque del Perù!

Con speranza ed emozione,

Zoe assieme al team delle Petizioni della Comunità di Avaaz

Questa petizione è stata lanciata sul sito delle Petizioni della Comunità di Avaaz. E' facile e veloce far partire una petizione su qualsiasi tema ti stia a cuore, clicca qui: http://avaaz.org/it/petition/start_a_petition/?30311

_________________
...
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
Adv



MessaggioInviato: Lun Gen 06, 05:52:41    Oggetto: Adv






Torna in cima
Annina

Saggio
Saggio


Iscritti

Sesso: Sesso:Femmina
Età: 48
Registrato: 15/08/10 09:07
Messaggi: 529
Annina is offline 

Località: Salsomaggiore Terme





italy
MessaggioInviato: Sab Gen 11, 18:54:20    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

Gen 10 alle 9:01 PM
Cari amici,



La 16enne Amina Filali dopo essere stata stuprata, picchiata e costretta a sposare il suo aguzzino, si è suicidata perché il codice penale marocchino dà la possibilità allo stupratore di sposare la sua vittima se questa è minorenne. Dopo anni di lotta per riformare la legge, lo storico voto per abolire questa follia potrebbe avvenire tra pochi giorni! Onoriamo la memoria di Amina facendo in modo che la sua tragedia non si possa mai più ripetere.

Firma la petizione
La 16enne Amina Filali dopo essere stata stuprata, picchiata e poi costretta a sposare il suo aguzzino, si è suicidata: era l'unico modo per sfuggire all'inferno in cui il suo stupratore e la legge del Marocco l'avevano rinchiusa. Abbiamo lottato per anni assieme agli attivisti marocchini per far abolire questa norma assurda, e ora la vittoria è a portata di mano. Questa settimana, un ultimo voto ci può permettere di afferrarla.

L'articolo 475 del codice penale marocchino dà la possibilità allo stupratore di evitare il processo e il carcere sposando la sua vittima se questa è minorenne. E' il peggiore incubo di qualsiasi donna sopravvissuta a uno stupro, e per Amina è diventato realtà. Ma ora, dopo che in centinaia di migliaia abbiamo contribuito a fare pressione sul Parlamento, tra pochi giorni potrebbero prendere la storica decisione di abolire questa norma. Se si arriverà al voto, gli addetti ai lavori dicono che la riforma passerà. Dobbiamo solo dare la spinta finale affinché la proposta sia discussa.

In questo momento, i giornali quasi non parlano della questione e non c'è alcuna pressione sui politici locali affinché facciano la cosa giusta. Per questo, non appena raggiungeremo 1 milione di firme, pubblicheremo delle intere pagine sui giornali più letti dai parlamentari e manifesteremo assieme agli attivisti marocchini fuori dal Parlamento con un mare di palloncini rosa a rappresentare questa nostra enorme mobilitazione globale. Onoriamo la memoria di Amina facendo in modo che la sua tragedia non si ripeta mai più. Clicca ora qui sotto per unirti a noi:

http://www.avaaz.org/it/forced_to_marry_her_rapist_f/?bBgiwbb&v=33962

Dopo che Amina è stata violentata, la sua famiglia ha sporto denuncia nella città di Larache. Ma invece di processare lo stupratore, il giudice gli ha offerto la possibilità di sposare la sua vittima, e la famiglia di Amina ha accettato. Dopo il suo suicidio, i membri di Avaaz si sono mobilitati dalla parte dei genitori ormai disperati e degli attivisti marocchini, consegnando quasi 800mila firme a favore della riforma, guadagnando le prime pagine dei giornali. Il governo ha promesso una riforma ma da allora non è accaduto più niente. Fino ad ora.

L'articolo 475 non è l'unico problema per i diritti delle donne in Marocco, ma è diventato un gigantesco simbolo di un sistema sbagliato. E' dal 2006 che il governo promette di mettere fine a questo orrore e di adottare una legge che vieti la violenza contro le donne, ma finora sono state solo parole al vento mentre la vita di giovani donne continuava ad essere stroncata.

Finalmente sembra che le cose si stiano muovendo nella giusta direzione, e la Commissione Giustizia ha finalmente stralciato la parte più problematica della norma passando la legge alla Camera bassa affinché prenda una decisione: se si arriverà al voto, è molto probabile che il Marocco avrà una nuova legge e Amina potrà finalmente in qualche modo avere giustizia. Il voto è il primo passo fondamentale per quella vera riforma per cui i gruppi di donne in Marocco hanno lottato a lungo. Facciamo in modo che si arrivi a una decisione sulla legge 475 affinché questa cominci a proteggere le donne e smetta di calpestarle:

http://www.avaaz.org/it/forced_to_marry_her_rapist_f/?bBgiwbb&v=33962

Dall'Afghanistan all'India fino al Giappone e al Kenya, in quanto membri di Avaaz abbiamo usato la nostra forza collettiva per sostenere i popoli in tutto il mondo nella lotta per i diritti delle donne. Oggi possiamo mobilitarci dalla parte di Amina Filali e fare sì che la conclusione della sua storia terribile possa accendere una speranza.

Con speranza e determinazione,

Dalia, Antonia, Emma, Marie, Rewan, Alex, Ricken e tutto il team di Avaaz

PS: Molte delle campagne di Avaaz sono lanciate dai membri della nostra comunità! Lancia ora la tua e vinci su temi di ogni tipo a livello loc

_________________
...
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
Annina

Saggio
Saggio


Iscritti

Sesso: Sesso:Femmina
Età: 48
Registrato: 15/08/10 09:07
Messaggi: 529
Annina is offline 

Località: Salsomaggiore Terme





italy
MessaggioInviato: Sab Gen 18, 21:26:48    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

Gen 17 alle 1:35 PM
Cari avaaziani,



Edward Snowden ha rischiato tutto per svelare al mondo l'assurdo e illegale sistema di sorveglianza degli Stati Uniti, e ora rischia l’isolamento e il carcere a vita, a meno che il Brasile non gli dia asilo politico. Inviamo alla presidente brasiliana Dilma Rousseff la più grande richiesta di asilo sostenuta dai cittadini di sempre, e vinciamo questa battaglia per le democrazie di tutto il mondo:

firma la petizione
Il più importante informatore del mondo è al momento bloccato in Russia, e se gli agenti statunitensi riusciranno a mettergli le mani addosso, ad attenderlo ci saranno l’isolamento, la derisione del suo stesso Paese e una vita in prigione. Ma possiamo aiutarlo a mettersi in salvo se agiamo subito.

Edward Snowden ha rivelato al mondo l’allucinante e illegale sistema di sorveglianza che il governo degli Stati Uniti utilizza su ciascuno di noi, nessuno escluso. Presto il suo permesso di soggiorno in Russia scadrà, e non avrà più un luogo dove poter stare. Ma Dilma Rousseff, Presidente del Brasile, è furiosa per il sistema di spionaggio degli USA, e secondo gli esperti potrebbe avere il coraggio necessario per affrontare l’enorme pressione statunitense e offrire l’asilo politico a Snowden!

Non c’è in gioco solo il destino di una singola persona. Se il gesto di onestà e verità di Snowden verrà ripagato con una punizione umiliante, quale messaggio arriverà ai governi oppressivi di tutto il mondo e ai potenziali informatori che ci sono là fuori? Se saremo più di un milione ad agire invieremo alla presidente Dilma Rousseff la richiesta di asilo politico con il più grande sostegno popolare di sempre: clicca subito per difendere Snowden e salvaguardare le democrazie di tutto il mondo:

http://www.avaaz.org/it/send_snowden_home_loc/?bBgiwbb&v=34373

Il tempo scorre veloce per il visto di un anno che consente a Snowden di stare in Russia. Intorno a lui circolano gli squali che vorrebbero riportarlo negli Stati Uniti, dove difficilmente affronterà un giusto processo; la Presidente del Brasile Dilma Rousseff, però, detesta il programma di sorveglianza mondiale PRISM (ha addirittura cancellato una visita di Stato negli USA per la vicenda), e si sta attivando per difendere i suoi concittadini dallo spionaggio nordamericano. Se deciderà di aiutare Snowden, Dilma avrà bisogno di sapere che non la lasceremo sola nel sostenere la tremenda pressione di Washington.

Chi è contrario alla richiesta di asilo politico di Snowden, sostiene che l’ex consulente esterno dell’NSA (l’Agenzia per la Sicurezza Nazionale USA) ha violato la legge e messo in pericolo la sicurezza mondiale. Alcuni lo chiamano addirittura “traditore”, e pensano che se la farà franca altri seguiranno il suo esempio. Ma anche se è vero che ha violato la legge, l’ha fatto per rivelare un gigantesco sistema di spionaggio globale e illegale, operato su scala industriale. L’atto eroico di Snowden potrebbe rendere il mondo un posto migliore e più sicuro per tutti.

E le rivelazioni di Snowden non sono quelle di un informatore qualunque, ma hanno già iniziato a cambiare in meglio il nostro mondo. In Germania e Brasile si sono mossi subito per difendere con più forza la privacy dei loro cittadini. Il problema è stato affrontato apertamente addirittura dalle Nazioni Unite. Un tribunale USA ha dichiarato illegali alcuni metodi di spionaggio della NSA. E questa settimana il presidente statunitense Obama ha in programma di modificare le pratiche di sorveglianza della NSA: il tutto come conseguenza delle informazioni diffuse da Snowden!

Dilma Rousseff ha bisogno di tutto il nostro supporto per tenere testa alle pressioni degli USA. Dimostriamole che i cittadini di tutto il mondo sosterranno il Brasile, se il Brasile sosterrà il coraggio di Snowden. Unisciti alla più grande richiesta di asilo politico del mondo, per Edward Snowden:

http://www.avaaz.org/it/send_snowden_home_loc/?bBgiwbb&v=34373

Con più di 30 milioni di membri in tutto il mondo, di cui oltre 6 milioni in Brasile, la nostra comunità ha già svolto un ruolo fondamentale nel proteggere internet dalle leggi-bavaglio dei nostri governi. Ora abbiamo la possibilità di aiutare l’uomo che ha sacrificato così tanto per proteggerci da una enorme rete di spionaggio internazionale.

Con speranza e determinazione,

Joseph, Christoph, Michael, Sayeeda, Ricken e tutto il team Avaaz

_________________
...
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
Annina

Saggio
Saggio


Iscritti

Sesso: Sesso:Femmina
Età: 48
Registrato: 15/08/10 09:07
Messaggi: 529
Annina is offline 

Località: Salsomaggiore Terme





italy
MessaggioInviato: Ven Gen 31, 20:01:28    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

ascal V. - Avaaz.org
A Io
Gen 30 alle 1:40 PM
Cari avaaziani,



Stati Uniti ed Europa stanno per consegnare nelle mani delle multinazionali più potenti il diritto di controllare i siti a cui possiamo accedere su Internet. E’ l’apocalisse della Rete per come la conosciamo. Ma gli attivisti per la libertà d'espressione e molte aziende del web si stanno mobilitando. Clicca per unirti alla più grande campagna di sempre in difesa della libertà e della democrazia di Internet:

FIRMA LA PETIZIONE
I ricchi del mondo, l’1% della popolazione, potrebbero essere sul punto di controllare i siti web e i servizi a cui possiamo accedere su internet per sempre. E’ l’apocalisse del Web così come lo conosciamo, che spazzerà via il sogno di un’autostrada dell’informazione libera per tutti che avevano avuto i fondatori della Rete.

La nostra comunità è cresciuta incredibilmente intorno a quel sogno, usando il Web per combattere la corruzione, salvare delle vite e portare aiuti umanitari ai civili nei paesi nel mezzo di crisi e guerre civili. Ma gli Stati Uniti e l’Unione Europea stanno per dare a potenti multinazionali il diritto di scegliere a quali contenuti possiamo accedere rapidamente su Internet, rallentando o addirittura facendoci pagare per tutto il resto. La possibilità, per Avaaz, di mostrare al mondo le immagini girate dai cittadini-giornalisti siriani, o di lanciare campagne per salvare il nostro pianeta, è in assoluto pericolo.

Da entrambe le parti dell’Atlantico si stanno prendendo decisioni cruciali in questo momento. E molti esperti di nuove tecnologie, attivisti per la libertà di espressione e le aziende più lungimiranti del web hanno deciso di opporsi a questa possibilità. Se ci uniamo a loro a milioni, e subito, possiamo creare la più grande mobilitazione di sempre in difesa della libertà e della democrazia di Internet. Firma ora e diffondi ovunque puoi questo appello:

http://www.avaaz.org/it/internet_apocalypse_pa_eu/?bBgiwbb&v=34987

Fino ad oggi, ogni passo in avanti della Rete era un beneficio per tutti - se aumentava la velocità di trasmissione dei video in streaming per le reti TV ultraconservatrici della Fox di proprietà del magnate Rupert Murdoch, lo stesso miglioramento era a disposizione dei mezzi di informazione indipendente per trasmettere quanto accadeva per le strade in Ucraina, Siria o Palestina. Per i politici, questa era la neutralità della rete, e negli Stati Uniti esistevano leggi fatte per proteggerla: fino a che, qualche settimana fa, un tribunale le ha stroncate. Ora il Parlamento Europeo minaccia di approvare un regolamento che consentirebbe ai fornitori di accesso ad Internet il diritto di chiudere in recinti il web e controllare quello che vediamo, rallentando o addirittura facendoci pagare per l'accesso ai siti da cui non possono trarre profitti.

Ma noi possiamo fermare tutto questo. Innanzitutto, presentandoci con un numero impressionante di firme da tutto il mondo all'incontro pubblico che si terrà oggi negli Stati Uniti per decidere se ristabilire le leggi in difesa della libertà di Internet. Dopodiché, scatenando un team di esperti lobbisti sul Parlamento Europeo, per garantire che le sue commissioni ascoltino la richiesta di noi cittadini. Questo sarà il primo grande passo di cui abbiamo bisogno per vincere le importanti battaglie che ci aspettano nei prossimi mesi.

Grandi fornitori di accesso ad Internet come Verizon e Vodafone stanno facendo forti pressioni per creare un “Internet dei ricchi”. E senza una imponente reazione dei cittadini, potrebbero farcela, e mettere così in pericolo tutto il lavoro della nostra comunità. La maggior parte di quello che è “Internet” si trova negli USA o in Europa, quindi questa battaglia interessa tutti noi. Non c’è tempo da perdere. Clicca qui sotto per far sentire la tua voce:

http://www.avaaz.org/it/internet_apocalypse_pa_eu/?bBgiwbb&v=34987

Quando la nostra comunità era grande meno della metà di quello che è oggi, ci siamo ribellati e abbiamo contribuito ad affossare il trattato ACTA e abbiamo fermato le leggi bavaglio ad Internet SOPA/PIPA. Ora siamo ancora più forti. Tutti insieme possiamo farci ascoltare e far sì che quello che ci permette di comunicare e lottare assieme rimanga libero e aperto.

Con speranza e determinazione,

Pascal, Emma, Dalia, Luis, Emilie, Luca, Sayeeda e tutto il team di Avaaz

_________________
...
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
Annina

Saggio
Saggio


Iscritti

Sesso: Sesso:Femmina
Età: 48
Registrato: 15/08/10 09:07
Messaggi: 529
Annina is offline 

Località: Salsomaggiore Terme





italy
MessaggioInviato: Mar Feb 11, 19:37:01    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

Cari avaaziani,



In queste ore il Parlamento potrebbe approvare la legge elettorale Renzi-Berlusconi che darebbe a Berlusconi la più grande opportunità di sempre di tornare presidente. Clicca subito per impedire questa ennesima assurda risurrezione:

firma la petizione
In queste ore il Parlamento potrebbe dare a Berlusconi la più grande opportunità di sempre di tornare presidente, ma bastano pochi parlamentari per impedire questa drammatica risurrezione e se agiamo subito li possiamo portare dalla nostra parte.

Il patto elettorale Renzi-Berlusconi è folle: gli ultimi sondaggi dicono che darebbe a Berlusconi alte probabilità di conquistare l'intero Parlamento. Inoltre continuerà a negare a noi cittadini il diritto di decidere chi siede in Parlamento e farà fuori ogni possibilità che nuovi movimenti entrino nelle istituzioni, blindando lo status quo. Non è quello di cui l'Italia ha bisogno. Ma ora sempre più parlamentari stanno facendo resistenza, e se ci facciamo sentire subito possiamo convincere i pochi indecisi di cui abbiamo bisogno per impedire questo accordo.

Il voto decisivo potrebbe essere già in queste ore: clicca subito per firmare e non appena raggiungeremo le 100mila le consegneremo pubblicamente ai parlamentari chiave per far aumentare la pressione su di loro:

http://www.avaaz.org/it/italy_electoral_law_h/?bBgiwbb&v=35701

L'affluenza alle urne degli italiani sta crollando perché non ci fidiamo più della nostra politica, e una delle ragioni principali è che non possiamo neppure scegliere i nomi di quelli da cui siamo rappresentati. L'attuale accordo Renzi-Berlusconi, con le sue liste bloccate, semplicemente non risolve il problema. Inoltre è chiaramente una trappola di Berlusconi: è cucita perfettamente attorno ai numeri che gli danno gli ultimi sondaggi per permettergli di ottenere una facile vittoria. È un incubo e lo dobbiamo scongiurare.

Renzi dice che ne abbiamo bisogno per la stabilità, ma quello che sta succedendo è esattamente l'opposto: in questi giorni media stanno riesumando decine di piccoli partiti fasulli che renderanno un completo caos qualsiasi nuovo Parlamento. Allo stesso tempo la legge farà a pezzi le possibilità di qualsiasi vero nuovo movimento che voglia cercare di farsi rappresentare in Parlamento, con uno sbarramento dell'8% impossibile da raggiungere: esperti costituzionalisti, tra cui Stefano Rodotà, sostengono che questo, assieme al facile premio di maggioranza pro-Berlusconi, la potrebbero rendere addirittura incostituzionale.

Il dibattito alla Camera è iniziato proprio ora e possiamo essere fondamentali per convincere i pochi ulteriori parlamentari necessari per conquistare gli emendamenti che potrebbero cancellare l'accordo e darci la legge elettorale dei cittadini di cui l'Italia ha bisogno. È fondamentale, firma ora e condividi con tutti:

http://www.avaaz.org/it/italy_electoral_law_h/?bBgiwbb&v=35701

Con oltre 1,7 milioni di membri in Italia, la capacità di Avaaz di incidere per ottenere decisioni che tutelino gli interessi e la volontà di tutti i cittadini sta crescendo enormemente. Tramite le nostre azioni in grado di finire sulle prime pagine di tutti i giornali e la pressione focalizzata sui parlamentari chiave, solo alcuni mesi fa siamo stati importantissimi per ottenere il voto palese con cui poi Berlusconi è stato espulso dal Senato. Ora questa comunità può essere di nuovo fondamentale per fare in modo che un condannato in via definitiva resti per sempre fuori dalle nostre istituzioni, e per ottenere una legge elettorale che ci permetta di scegliere davvero chi ci rappresenta.

Con speranza e determinazione,

Luca, Luis Dalia, Aldine, Alice, Ian e il resto del team di Avaaz

ULTERIORI INFORMAZIONI

_________________
...
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
Annina

Saggio
Saggio


Iscritti

Sesso: Sesso:Femmina
Età: 48
Registrato: 15/08/10 09:07
Messaggi: 529
Annina is offline 

Località: Salsomaggiore Terme





italy
MessaggioInviato: Gio Feb 20, 21:13:17    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

Feb 19 alle 3:58 PM
Cari avaaziani,



Migliaia di persone provenienti dai Paesi dell’Africa Orientale sono state rapite da organizzazioni criminali, e vengono torturate nella regione egiziana del Sinai per costringere le famiglie a pagare riscatti esorbitanti per la loro liberazione. Se riusciremo a dimostrare ai leader egiziani che questo sporco segreto è di dominio pubblico e che sta danneggiando la reputazione turistica della zona, potremo obbligarli a mettere fine a questo orrore. Firma subito:

firma la petizione
Incinta di 9 mesi e incatenata, Haben* è stata picchiata senza pietà dai suoi torturatori che pretendevano un riscatto di 35mila dollari da suo marito. Ha partorito con delle manette ai polsi, rinchiusa insieme ad altri prigionieri terrorizzati, e tutto quello che c’era per tagliare il cordone ombelicale erano dei pezzi di metallo arrugginiti. E’ inconcepibile che una cosa del genere stia succedendo davvero nel 2014!

Sorprendentemente, Haben è sopravvissuta. Ma lei non è che una sola delle migliaia di persone che dall'Africa Orientale vengono rapite da organizzazioni criminali di trafficanti di esseri umani, per poi essere torturate nel Sinai egiziano fino a che le loro famiglie, disperate, non riescono a pagare riscatti esorbitanti per la loro libertà. Se riusciremo a far vedere ai leader Egiziani che questo assurdo segreto è ormai di dominio pubblico e che sta danneggiando l’immagine turistica del Sinai come “Riviera del Mar Rosso”, potremo costringerli a colpire queste organizzazioni e liberare le persone rapite.

Ogni minuto che questi uomini, donne e bambini passano in prigionia, è un minuto di troppo. Firma subito questa petizione urgente e inoltrala a tutti quelli che conosci. Non appena raggiungeremo il milione di firme, Avaaz scatenerà un enorme attacco mediatico per spingere l’Egitto ad agire:

_________________
...
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
Annina

Saggio
Saggio


Iscritti

Sesso: Sesso:Femmina
Età: 48
Registrato: 15/08/10 09:07
Messaggi: 529
Annina is offline 

Località: Salsomaggiore Terme





italy
MessaggioInviato: Lun Mar 03, 21:43:47    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

Cari avaaziani,



In queste ore gli USA potrebbero dare il via libera a un gigantesco oleodotto per trasportare petrolio superinquinante dal Canada. Ma hanno aperto una consultazione pubblica per arginare la pressione delle multinazionali, inondiamoli di richieste di fermare questa mega-bomba ambientale:

firma la petizione
In queste ore Obama sta per prendere la sua decisione più importante di sempre per l’ambiente: se dare il via libera o meno a un gigantesco oleodotto per trasportare ogni giorno 830mila barili di un petrolio superinquinante dal Canada agli Stati Uniti.

Si chiama Keystone XL e se lo approveranno riverserà miliardi di dollari nelle tasche di poche multinazionali… e milioni di tonnellate di anidride carbonica nell’atmosfera tanto che l’hanno ribattezzato “la più grande bomba ambientale sul pianeta”. Grazie a enormi proteste si è riusciti a ottenere un rinvio e un tribunale la scorsa settimana ha inferto un altro duro colpo al progetto. Ora, se ci muoviamo subito in grandi numeri, abbiamo la possibilità di dargli il colpo di grazia.

John Kerry, il responsabile delle relazioni internazionali USA, ha deciso di aprire una consultazione pubblica. Sa che su questa decisione si gioca la credibilità statunitense nella lotta contro il cambiamento climatico. Noi possiamo farlo diventare un vero e proprio referendum mondiale inondando la consultazione con oltre un milione richieste da ogni angolo del mondo affinché chiudano Keystone e facciano seguire fatti alle promesse, nella lotta per salvare il pianeta. Abbiamo solo pochi giorni, firma ora:

http://www.avaaz.org/it/stop_the_keystone_xl_pipeline_loc_eu/?bBgiwbb&v=36695

Le grandi multinazionali del petrolio si stanno inventando di tutto: hanno addirittura comprato spazi pubblicitari nelle tratte della metropolitana di Washington che sanno i politici usano per andare al lavoro. Ma se raggiungeremo un milione di firme, vogliamo contrattaccare: acquisteremo gli spazi proprio accanto ai loro per far arrivare chiarissima a Kerry e al suo staff la posizione dei cittadini.

E le pubblicità dei petrolieri sono solo la punta dell’iceberg. Sappiamo che il governo USA è sotto la pressione costante della lobby di queste multinazionali, e noi rischiamo di ipotecare il nostro futuro a causa dei loro interessi. Il petrolio estratto dalle sabbie bituminose è il combustibile fossile più inquinante di sempre: contribuisce al riscaldamento globale da tre a quattro volte in più del petrolio normale!

L’anno scorso, Obama disse che avrebbe autorizzato il progetto solo se fosse stato ritenuto nell'interesse generale del Paese e se si fosse dimostrato che non avrebbe peggiorato la crisi ambientale per le future generazioni. Kerry ha fatto della lotta al cambiamento climatico una sua bandiera e vuole per gli USA un ruolo primario sulla scena mondiale: seguirà con attenzione l’opinione pubblica internazionale. I sostenitori dell’oleodotto parlano di posti di lavoro e di indipendenza dai Paesi produttori di petrolio, ma Obama sa che la vera occupazione viene dall'energia pulita e che il cambiamento climatico è forse la più grande minaccia, oggi, per la sicurezza sia degli USA che dell’intero pianeta.

Stiamo già vincendo. Tre anni fa la costruzione dell’oleodotto era data per scontata. Ma i cittadini si sono fatti sentire: migliaia di arresti per una incredibile azione di disobbedienza civile, una delle più grandi negli Stati Uniti, e Obama ha respinto il progetto iniziale. Ora tocca a noi fare la nostra parte: raccoglieremo il più grande numero di opinioni internazionali DI SEMPRE su una decisione del governo USA, e daremo a Kerry e a Obama il sostegno pubblico di cui hanno bisogno per fermare la mega-bomba ambientale Keystone:

http://www.avaaz.org/it/stop_the_keystone_xl_pipeline_loc_eu/?bBgiwbb&v=36695

La crisi ambientale sta colpendo tutti nel mondo: dall'Alberta, la regione del Canada da dove partirebbe l’oleodotto, alla Gran Bretagna, che ancora cerca di riprendersi da inondazioni mai viste prima, fino all'Australia che solo ora respira dopo un’estate devastata da incendi record, o a qualsiasi altro Paese in cui si pagano le conseguenze di condizioni climatiche straordinarie. Se ci faremo sentire, uniti, in questa battaglia, potremo essere parte di una grande vittoria contro questo assurdo progetto, e contribuire a creare un forte movimento in difesa dell’ambiente.

Con speranza e determinazione,

Pascal, David, Luis, Antonia, Emma, Patri, Wen, Ricken e tutto il team Avaaz

MAGGIORI INFORMAZIONI:

_________________
...
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
Annina

Saggio
Saggio


Iscritti

Sesso: Sesso:Femmina
Età: 48
Registrato: 15/08/10 09:07
Messaggi: 529
Annina is offline 

Località: Salsomaggiore Terme





italy
MessaggioInviato: Ven Mar 21, 07:23:32    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

Iain Keith - Avaaz.org
A Io
Mar 20 alle 4:17 PM
Cari avaaziani in tutta Europa,



È la più grande crisi della nostra generazione. Dobbiamo agire subito per evitare di distruggere le barriere coralline, che gli orsi polari rimangano solo negli zoo, e ai nostri figli rimanga un pianeta disastrato. In queste ore, i capi di governo europei potrebbero fissare dei nuovi limiti all'inquinamento ma lo faranno solo se saranno sottoposti a un’enorme pressione pubblica. Firma la petizione e la faremo diventare la notizia del giorno!

firma la petizione
È sicuramente la più grande crisi che la nostra generazione deve affrontare. Se non agiamo ora, sappiamo già che le barriere coralline sono destinate a sparire, gli orsi polari sopravviveranno solo negli zoo e ai nostri figli lasceremo un pianeta disastrato da alluvioni e siccità. Siamo noi la causa del cambiamento climatico ma se facciamo tutti la nostra parte, possiamo ancora salvare il pianeta e noi stessi.

In queste ore si stanno incontrando i capi di governo europei per un vertice sul clima. Vanno verso un accordo senza ambizioni e che ignora tanto il parere degli scienziati quanto tutti i segnali che la natura ci manda in continuazione. Tocca a noi fare in modo che la nostra voce sia più forte delle multinazionali che ci avvelenano dimostrando a chi ci rappresenta che noi cittadini pretendiamo un’azione forte che dimezzi le emissioni inquinanti.

Ora basta, dobbiamo impedire che questi politici e le multinazionali ci condannino a una morte lenta. Firma ora e manda un messaggio personale: daremo a Germania e Gran Bretagna, i paesi che più stanno spingendo per difendere il pianeta, un enorme sostegno popolare, insieme ai sondaggi che mostrano l'enorme richiesta di proteggere il pianeta, anche nei paesi che cercano di sabotare i negoziati, e poi invieremo i messaggi più forti ai media, appena prima del voto.

http://www.avaaz.org/it/eu_2030_climate_main/?bBgiwbb&v=37587

L’Europa sarà decisiva per l'esito del vertice mondiale sul clima del prossimo anno a Parigi, quello che chiamano la nuova Kyoto. Ma solo se si darà fin da subito obiettivi chiari per dimezzare le emissioni, aumentare l’efficienza energetica e far finalmente esplodere la rivoluzione delle fonti rinnovabili, potremo chiedere agli altri paesi altrettanti impegni concreti. È la nostra occasione più grande per salvare il pianeta.

I grandi produttori di energia non rinnovabile hanno un’enorme influenza sui politici, e i loro lobbisti, stanno, sfruttando la distrazione generale dovuta alla crisi ucraina, potrebbero ottenere un accordo pericolosamente poco ambizioso. In questo momento, l’Europa è divisa: la Polonia e alcuni altri stati non vogliono neanche sottoscrivere i tagli del 40% delle emissioni proposti dalla Commissione per il 2030, figuriamoci il 50% indicato dalla comunità scientifica.

L’incontro è iniziato in queste ore. Lanciamo un enorme appello ai capi dei governi europei per spingerli a sottoscrivere un piano che possa salvare il pianeta, e diffondiamolo ovunque. Firma questa petizione urgente e manda il tuo messaggio all'Europa, affinché faccia da guida verso i grandi obiettivi che ci possono salvare da questo baratro:

http://www.avaaz.org/it/eu_2030_climate_main/?bBgiwbb&v=37587

Negli ultimi 12 mesi il mondo intero è stato colpito da eventi meteorologici mai visti. E la comunità di Avaaz è stata pronta ogni volta a spingere i politici a fare qualcosa di concreto, come a gennaio quando 250mila di noi hanno scritto alla Commissione contribuendo a migliorare le proposte che verranno discusse proprio questa settimana. Ora dobbiamo assicurarci che quelle proposte diventino realtà.

Con speranza e determinazione.

Iain, Mary, Bert, Christoph, Marie, Alex, Alice, Ricken e tutto il team di Avaaz.

_________________
...
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
Annina

Saggio
Saggio


Iscritti

Sesso: Sesso:Femmina
Età: 48
Registrato: 15/08/10 09:07
Messaggi: 529
Annina is offline 

Località: Salsomaggiore Terme





italy
MessaggioInviato: Ven Mar 21, 07:24:19    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

Luis Morago - Avaaz.org
A Io
Mar 18 alle 6:32 PM
Abbiamo solo 24 ore di tempo ma siamo a un passo dalla vittoria! Il governo ha annunciato di voler rivedere la spesa per gli F35, ma la lobby delle armi sta lanciando l'ultimo attacco. Domani c'è un incontro decisivo: clicca qui per mandare un messaggio urgente e diretto a Renzi e al Ministro della Difesa affinché ascoltino i cittadini e poi gira questa email a tutti.

Cari avaaziani,



Tra meno di 24 ore la lobby delle armi potrebbe blindare un folle spreco di denaro pubblico: 14 miliardi per dei caccia americani che non servono a niente. Renzi ha annunciato di volerne rivedere l'acquisto, ma solo una enorme pressione può farlo andare fino in fondo. Firma ora e condividi con tutti:

Firma la petizione
Tra meno di 24 ore la lobby delle armi potrebbe blindare uno dei più enormi sprechi di denaro pubblico di sempre: 14 miliardi di euro per dei caccia F35 americani che non ci servono a niente. Renzi ha il potere di opporsi a questo colpo di mano, ma dobbiamo convincerlo ad andare fino in fondo.

E’ assurdo! Con 14 miliardi di euro, potremmo creare posti di lavoro per 150.000 giovani disoccupati, o finanziare gran parte dell'annunciato taglio delle tasse! E questi aerei F35 hanno così tanti problemi che moltissimi altri paesi stanno annullando la decisione di comprarli. Dopo la nostra enorme mobilitazione Renzi e il Ministro della Difesa hanno finalmente aperto alla possibilità di rivederne l’acquisto, ma ora la lobby delle armi ha fatto convocare il Consiglio Supremo di Difesa per provare a mettere il veto.

E' fondamentale fare pressione subito sul Governo affinché resista a questo attacco! Firma ora questa petizione urgente per dare a Renzi e al Ministro della Difesa un mandato inequivocabile affinché taglino lo spreco degli F35, e poi condividila con tutti. Raggiungiamo la cifra record di 500mila firme prima dell'incontro e poi sommergiamoli di messaggi per essere ancora più decisivi:

https://secure.avaaz.org/it/italy_no_f35_reloaded_b/?bBgiwbb&v=37504

Molti politici italiani hanno detto di essere contrari allo spreco di denaro pubblico per questi bombardieri, inclusi Renzi, Bersani, D’Alema, Monti e perfino Berlusconi! E gli esperti militari ci dicono che questi aerei hanno enormi problemi tecnici e non sarebbero di alcun beneficio al nostro esercito.

Grazie a una forte pressione pubblica, addirittura gli Stati Uniti, assieme a Canada, Danimarca e Turchia stanno ritrattando gli investimenti negli F35 e anche in Italia Governo e Ministro della Difesa stanno cominciando a cedere: per la prima volta nei giorni scorsi hanno annunciato che valuteranno un taglio del numero di F35 che l’Italia comprerà. Ma solo se faremo salire ancora la pressione nelle prossime ore potremo mettere fine a questo enorme spreco di denaro pubblico una volta per tutte.

Mancano meno di 24 ore, firma subito la petizione e condividila con tutti:

https://secure.avaaz.org/it/italy_no_f35_reloaded_b/?bBgiwbb&v=37504

L’anno scorso oltre 430mila di noi hanno contribuito a creare, contro gli F35, la più grande mobilitazione online della nostra comunità, creando un movimento finito su tutti i giornali e che ci ha portato a mettere in discussione uno spreco fino a quel momento inattaccabile. Ora è arrivato finalmente il momento in cui possiamo vincere: facciamoci sentire.

Con speranza e determinazione,

Luis, Luca, Alice, Pascal, Patricia e tutto il team di Avaaz

_________________
...
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
Annina

Saggio
Saggio


Iscritti

Sesso: Sesso:Femmina
Età: 48
Registrato: 15/08/10 09:07
Messaggi: 529
Annina is offline 

Località: Salsomaggiore Terme





italy
MessaggioInviato: Sab Mar 29, 18:51:04    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

Mar 28 alle 12:16 PM
Cari avaaziani,



Un processo farsa ha condannato a morte 528 persone in Egitto. Sarà l’esecuzione di massa più grande del secolo, ma c’è un uomo che ha 10 giorni per fermarla. Chiediamo tutti assieme al Gran Mufti Allam di usare la sua autorità per impedire questa tremenda barbarie. Unisciti a questa petizione urgente e ferma le esecuzioni:

firma la petizione
Il processo farsa di un tribunale egiziano ha appena condannato a morte 528 persone. Una sentenza che porterà all’esecuzione di massa più grande del secolo, ma c’è un uomo che può fermarla.

Il Gran Mufti Allam, la figura religiosa più importante del Paese, ha 10 giorni per rigettare la decisione. La sentenza è già stata criticata da altri leader spirituali e lui, primo Mufti eletto dai suoi pari, può assumere il ruolo di guida morale del Paese. Vogliamo unire in un unico appello tutte le persone che da tutto il mondo, qualunque sia la loro fede, chiedono di fermare questa barbarie.

Il processo è servito da propaganda politica: il regime militare vuole usarlo per spazzare via l'opposizione. Se non ci faremo sentire, ci saranno conseguenze gravissime per l’Egitto e per il mondo intero. Firma subito per salvare queste vite e interrompere la spirale di odio: raggiunto il milione di firme, l’appello sarà consegnato al Mufti direttamente dagli altri leader religiosi egiziani:

http://www.avaaz.org/it/stop_mass_execution_loc/?bBgiwbb&v=38020

Dopo la speranza rappresentata da piazza Tahrir, in cui centinaia di migliaia di persone avevano rovesciato decenni di dittatura, il popolo egiziano aveva eletto democraticamente il governo dei Fratelli Musulmani. Quando la scorsa estate i militari hanno preso il potere con un colpo di stato, i sostenitori del governo sono scesi in piazza: sono stati chiamati terroristi e la repressione è stata brutale, con 16mila arresti tra giornalisti, attivisti e persino studentesse adolescenti!

Il processo è stato una farsa: oltre alle accuse per tumulti e distruzione della proprietà, le 528 persone sono tutte accusate dell’omicidio di un poliziotto e i loro avvocati non hanno potuto assistere alla lettura della sentenza, che è durata meno di un’ora! Non si è trattato di un caso isolato: viene usata la magistratura per colpire il dissenso politico, mentre le forze di sicurezza che hanno ucciso centinaia di manifestanti raramente finiscono sul banco degli imputati. La situazione è critica: più si fanno pesanti la repressione e le intimidazioni dei militari, più cresce l’estremismo.

La più pesante incarcerazione di massa della storia dell’Egitto moderno avrà ripercussioni ben oltre i confini del Paese. Firma subito per chiedere al Gran Mufti di non permettere questo omicidio di Stato, e di diventare quella guida etica di cui l’Egitto ha un bisogno disperato:

http://www.avaaz.org/it/stop_mass_execution_loc/?bBgiwbb&v=38020

Il mondo è rimasto a guardare mentre questo regime affossava un governo di certo imperfetto, ma democraticamente eletto, mettendo in ginocchio l’Egitto. I leader mondiali non perdono occasione per incensare la democrazia e condannare le dittature in Crimea e a Caracas. Ma non in Egitto. Ora, se il mondo permetterà questa esecuzione di massa, il messaggio sarà chiaro: la democrazia avrà sempre il nostro appoggio, a meno che non sia l’Islam a voler fare politica. E questo non farà che rafforzare una categoria di persone piccola ma molto pericolosa per tutti: gli estremisti.

La comunità di Avaaz si è sempre battuta con forza contro le ingiustizie e per una riconciliazione pacifica e duratura anche delle questioni più spinose. In questo momento si sta decidendo il futuro dell’Egitto, e una sentenza incredibilmente ingiusta e provocatoria come quella emessa a Minya potrebbe distruggere tutto. Facciamo sentire, in questa delicata situazione, la nostra voce, e salviamo la vita di queste 528 persone.

Con speranza e determinazione,

_________________
...
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
Annina

Saggio
Saggio


Iscritti

Sesso: Sesso:Femmina
Età: 48
Registrato: 15/08/10 09:07
Messaggi: 529
Annina is offline 

Località: Salsomaggiore Terme





italy
MessaggioInviato: Lun Apr 28, 18:03:59    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

Oggi alle 10:54 AM
Cari avaaziani,

È davvero bellissima la fiducia che chi dona ad Avaaz ripone costantemente in quello che facciamo, e voglio essere sicuro che sappiate realmente quello che succede dopo questo incredibile atto di speranza che è ciascuna delle vostre donazioni!

Il primo esempio è questa stupenda foto:
Malvinas

Grazie questa comunità stiamo comprando una foresta pluviale! In più di 90mila abbiamo donato e ciò ci ha permesso di affidare 1 milione di dollari ad organizzazioni come la Rainforest Trust per comprare e salvaguardare un territorio importantissimo che collega due riserve vitali per il Borneo e che potranno essere cruciali per salvare gli oranghi dall’estinzione.

Adoro questo lavoro Smile


Queste due bambine sono un secondo, fantastico esempio:
Syria

Yamama e sua cugina Hayat sono rifugiate siriane ma ora possono andare a scuola, e questo è anche grazie alla nostra comunità che ha raccolto 1 milione di dollari sfidando le nazioni che hanno la possibilità di donare a salvare un’intera generazione di bambini altrimenti senza educazione: e proprio in questi giorni si è saputo che i governi hanno raccolto la nostra sfida promettendo 100 milioni di dollari! Gordon Brown, inviato speciale ONU per l’educazione, ha definito il nostro impegno “grandioso” e “importante per convincere i governi a donare”.

Per il terzo esempio, vi presento Gaby:
Syria

Gaby Lasky è un’avvocatessa israeliana che lavora con i leader del movimento nonviolento della Palestina e con un team instancabile per difendere centinaia di attivisti pacifisti da accuse infondate. La nostra comunità è riuscita a raccogliere donazioni sufficienti a sostenere con 225mila dollari il lavoro di Gaby!

Ci sarebbero ancora tante vicende da raccontare, ma sulle donazioni il tema più importante per la nostra comunità, lo sapete, è quello del cambiamento climatico…

Climate

In questa foto vedete il delegato filippino ai negoziati sul clima di Varsavia Yeb Sano che consegna un’enorme petizione promossa da Avaaz. La nostra campagna sul cambiamento climatico, grazie a decine di migliaia di sostenitori e alle loro donazioni settimanali, può contare su un team che lavora giorno e notte per costringere i governi ad agire contro la più grande crisi del nostro tempo. Cliccando qui puoi leggere un approfondimento a 360° sul lavoro della nostra “squadra contro il cambiamento climatico” con cui vogliamo contribuire a salvare questo pianeta.

Ma a rendere Avaaz una forza che porta un cambiamento senza eguali nel suo genere non sono solo i fondi che raccogliamo, ma il COME lo facciamo. In particolare sono tre le cose che ci rendono unici:

Innanzitutto è la comunità a decidere. Non accettiamo soldi (mai!) da governi, multinazionali, fondazioni o grandi donatori: questo fa sì che la comunità sia il nostro unico “capo”. Buona parte del mondo del no-profit è finanziato da singoli ricchissimi personaggi, le cui decisioni influenzano poi il lavoro svolto. Noi no.
Siamo rapidi. Anche per le emergenze, possono volerci mesi o addirittura anni per le fondazioni o i grandi donatori per raccogliere i fondi necessari; noi abbiamo dimostrato di poter raccogliere milioni di dollari in poche ore!
Siamo la Politica, quella vera. Visto che le donazioni ad Avaaz non sono deducibili dalle tasse, nessun governo può impedirci di fare campagne politiche: e la politica è il campo in cui si vincono o si perdono molte battaglie per salvare il pianeta.
Anche grazie a questo nostro modello unico, e alla sua efficacia che ormai hanno dimostrato decine di campagne, il numero dei membri di Avaaz che decidono di fare una donazione aumenta continuamente e sta per raggiungere il milione!


donors

La maggior parte delle donazioni finanzia le nostre campagne. Ma una buona parte del denaro raccolto la doniamo a nostra volta: fino a oggi, oltre 8 milioni di dollari sono andati a sostenere cause umanitarie e organizzazioni amiche, il cui magnifico lavoro difficilmente sarebbe finanziato da aziende e fondazioni. Organizzazioni come “The Equality Effect”, per cui lo scorso anno la nostra comunità ha raccolto 300mila dollari: “Siamo enormemente grati ai membri di Avaaz - ha detto la direttrice di questa organizzazione - per averci aiutato a introdurre in Kenia e Malawi leggi a tutela delle bambine, vittime di alcune delle più atroci violenze al mondo”.

grants

C’è chi dipinge l’attivismo come inutile o come un modo per pulirsi la coscienza, e a volte è così. Ma l’efficacia di Avaaz ha ricevuto ormai numerosi riconoscimenti, e la capacità della nostra comunità non solo di farsi sentire con forza, ma anche di usare i soldi per fare davvero quello che promettiamo, è uno dei principali motivi per cui stiamo davvero facendo la nostra parte per cambiare il mondo. E siamo solo all’inizio Smile.

Con enorme riconoscenza e rispetto per il contributo di ognuno di noi,

Ricken e tutta la squadra

P.S. tutti i nostri bilanci sono sottoposti a verifiche contabili ogni anno, e ogni anno riceviamo certificati di sana e robusta costituzione. Potete trovare tutti i documenti, oltre a maggiori informazioni finanziarie, cliccando qui.

Avaaz

_________________
...
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
Annina

Saggio
Saggio


Iscritti

Sesso: Sesso:Femmina
Età: 48
Registrato: 15/08/10 09:07
Messaggi: 529
Annina is offline 

Località: Salsomaggiore Terme





italy
MessaggioInviato: Sab Giu 21, 21:27:23    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

Cari avaaziani,



La biosfera, che consente la vita sulla Terra, è talmente vicina al collasso che per alcuni scienziati questo è il momento Siamo Fottuti. Per questo i leader di tutto il mondo si riuniranno all'ONU tra soli 100 giorni. Giorni che noi, in tutto il mondo, dobbiamo usare per organizzare la più grande mobilitazione per il clima e il pianeta di sempre. Dobbiamo fare tutti la nostra parte, firma per unirti:

VOGLIO ESSERCI!
L’ultima era glaciale? È avvenuta in 6 mesi, ricoprendo l’Europa e gli Stati Uniti con blocchi di ghiaccio grandi quanto enormi condomini. È solo un esempio di cosa succede quando si raggiunge un punto di svolta che sconvolge irrimediabilmente il clima e in questo momento sono addirittura tre i punti di svolta, della stessa portata devastante, che stiamo per raggiungere.

Uno scienziato NASA l'ha definito, senza mezzi termini, il momento "siamo fottuti" del cambiamento climatico. La nostra unica possibilità è una manifestazione senza precedenti, che per un giorno mobiliti l’intero pianeta.

Perché possiamo salvarci se si troverà un accordo su obiettivi ragionevoli che ci facciano uscire dall’era del petrolio e del carbone. L’ONU sta organizzando un vertice d’emergenza che tra poco più di 100 giorni riunirà tutti i più importanti leader del mondo: il 21 settembre vogliamo accoglierli con la più grande mobilitazione della storia in difesa del clima e del pianeta, per tagliare i fili che li rendono dei burattini nelle mani dei grandi del petrolio e del carbone.

Organizzare un'azione del genere è difficilissimo, ma tutto parte da noi, dalle nostre azioni individuali che tutte assieme diventano un movimento di milioni di persone e possono spingere i politici a liberarsi dalle lobby e aiutarci costruire un futuro pulito, verde e soprattutto di speranza. Clicca qui sotto per dire che ci sarai anche tu:

https://secure.avaaz.org/it/join_to_change_everything/?bBgiwbb&v=41339

I punti di svolta si verificano per colpa di circoli viziosi in cui cambiamento climatico genera altro cambiamento climatico, con conseguenze catastrofiche. Un esempio è il metano, un gas 25 volte più inquinante della CO2, per ora intrappolato sotto le grandi distese di ghiaccio: con lo scioglimento del ghiaccio ha cominciato a fuoriuscire, facendo sciogliere ancora più ghiaccio e così via. Inoltre questo consuma il ghiaccio riflettente che consente al pianeta di non surriscaldarsi, facendo andare tutto fuori controllo. Un esempio, ma aiuta a capire perché gli scienziati continuino a lanciare appelli disperati affinché si agisca subito.

Ma abbiamo gli strumenti e un piano per evitare questa autodistruzione! Ci vorrà una collaborazione storica a livello mondiale, e la nostra comunità di 36 milioni di persone ha già la forza per spingere i leader mondiali nella giusta direzione. È notizia di questi giorni che Stati Uniti e Cina hanno annunciato dei piani finalmente concreti per ridurre l'inquinamento: è il momento che aspettavamo per assicurarci che al vertice di Parigi 2015 si firmi l’accordo globale che serve al pianeta.

Inondare le strade, dimostrando di essere moltissimi e determinati, è uno dei modi più forti per ottenere il cambiamento: è successo per il movimento contro l'Apartheid in Sudafrica o per i diritti civili negli USA, spesso è stato l'unico modo. È la nostra occasione per fare in modo che lo stesso succeda per la battaglia più importante del nostro tempo per dare un futuro alla nostra generazione e a quelle che verranno. Clicca sotto per farne parte anche tu:

https://secure.avaaz.org/it/join_to_change_everything/?bBgiwbb&v=41339

Possiamo farcela, e lo sappiamo. Quando questa comunità era di solo 3 milioni di persone siamo riusciti a organizzare 3mila azioni nello stesso giorno per proteggere il pianeta. Ora siamo 36 milioni, dieci volte tanto, riuscite a immaginarvi cosa possiamo fare ora?

Con speranza e determinazione, per il futuro di tutti noi,

Emma, Iain, Lisa, Ricken, Alice, Emily, Sayeeda, Uilleam e tutto il team di Avaaz

MAGGIORI INFORMAZIONI

Antartide al punto di non ritorno: i ghiacciai sono destinati a sciogliersi (Il Sole 24 ore)
http://www.ilsole24ore.com/art/tecnologie/2014-05-13/antartico-punto-non-ritorno-ghiacciai-sono-destinati-sciogliersi

Il futuro del nostro pianeta dipende da 58 persone (Pressenza)
http://www.pressenza.com/it/2014/04/futuro-pianeta-dipende-58-persone/

Il collasso dei ghiacciai in Antartide è inevitabile (Wired)
http://www.wired.it/attualita/ambiente/2014/05/13/collasso-ghiacciai-antartide-inevitabile/

Inarrestabile fusione di ghiaccio in Antartide occidentale (Scienze Naturali)
http://www.scienze-naturali.it/ambiente-natura/ambiente/inarrestabile-fusione-di-ghiaccio-in-antartide-occidentale


----------------------------------------


Annina commento su M5Stelle/Salsomaggiore
http://www.beppegrillo.it/listeciviche/liste/salsomaggioreterme/2014/07/meetup-del-lunedi-11.html

per il punto dell'ODG:
Richiesta colloquio di esterni per prossimi meetup.

Annamaria Giovanelli de la TdB:
"La proposta nostra è di organizzare la giornata mondiale sull'ambiente promossa da Avaaz
che si terrà il 21 settembre 2014.
Lo scopo è fare pressione sui Governi mondiali affinchè favoriscano l'utilizzo di fonti energetiche non inquinanti abbandonando il petrolio e sopratutto il carbone.
Non c'è più tanto tempo anzi secondo qualche scienziato abbiamo già superato il punto critico di non ritorno per quanto riguarda il clima.
E' assolutamente una priorità mondiale."


link Avaaz
https://secure.avaaz.org/it/join_to_change_everything/?bBgiwbb&v=41339

_________________
...
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
Annina

Saggio
Saggio


Iscritti

Sesso: Sesso:Femmina
Età: 48
Registrato: 15/08/10 09:07
Messaggi: 529
Annina is offline 

Località: Salsomaggiore Terme





italy
MessaggioInviato: Mer Giu 25, 21:49:03    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

Firma la petizione
Stanno facendo a pezzi le Alpi Apuane, uno dei luoghi più belli d'Italia, per la voracità di poche famiglie che ne vendono il marmo a peso d'oro: tra 24 ore sarà votata la legge che potrebbe fermare questo disastro, ma non passerà mai a meno che non agiamo subito.

Il marmo delle Apuane appartiene a un'antica tradizione, ma le nuove tecnologie e una selvaggia speculazione hanno consentito l'apertura di oltre 300 cave, di cui 70 all'interno del Parco naturale riconosciuto dall'Unesco: ogni giorno fanno saltare in aria enormi pezzi di montagna in pochi secondi, inquinando i fiumi, le fonti, l'aria e distruggendo l'habitat di specie protette. Un'enorme mobilitazione di associazioni locali e membri di Avaaz, finendo su tutti i giornali, ha spinto il Presidente della Regione Toscana Enrico Rossi a promettere la chiusura graduale delle cave nei parchi. Ma poi si è rimangiato tutto.

A 24 ore dal voto, sotto la pressione della potente lobby del marmo, la proposta di chiudere le cave nei parchi è stata cancellata! Sui media nessuno ne parla, ma possiamo fare in modo che se ne accorgano, mettendo il Presidente Rossi e tutti i consiglieri regionali sotto pressione: o manterranno le loro promesse o perderanno la faccia e comprometteranno la loro carriera politica. Firma subito e condividi con tutti:

http://www.avaaz.org/it/petition/Ferma_la_distruzione_delle_Alpi_Apuane/?bBgiwbb&v=41618

La cosa assurda è che è stato proprio il Presidente Rossi a denunciare la pressione della lobby del marmo dichiarando solo poche settimane fa:

"La violenza con cui le imprese lapidee si scagliano contro l’operato dell’assessore all’urbanistica e della giunta regionale rendono ancora più evidente che è necessaria una svolta nel governo e nella regolazione delle cave. Se c’è qualcuno che pensa che non si approverà il Piano, si sbaglia di grosso: anche per le cave è venuto il momento di cambiare, oggi c’è bisogno di lavoro e sviluppo nel rispetto dell’ambiente".

Impediamo che possa rimangiarsi la sua parola, firma subito la petizione e poi girala a tutti:

http://www.avaaz.org/it/petition/Ferma_la_distruzione_delle_Alpi_Apuane/?bBgiwbb&v=41618

Con speranza e determinazione,

Luca, Enrico, Luis, Marigona, Francesco, Bert, Alice e tutto il team di Avaaz

PS: Questa petizione è stata lanciata sul nuovo sito delle Petizioni della Comunità di Avaaz. E’ veloce e facile lanciare una petizione su qualsiasi tema ti stia a cuore, clicca qui: http://avaaz.org/it/petition/start_a_petition/?41101

ULTERIORI INFORMAZIONI

Le Alpi Apuane e l’estrazione selvaggia (Il Fatto Quotidiano)
http://www.ilfattoquotidiano.it/2014/03/01/le-alpi-apuane-e-lestrazione-selvaggia/897161/

Arpat: tredici cave controllate, solo una in regola (La Nazione)
http://www.assindustriams.it/?p=49523

Cave nel Parco, dossier inviati alla UE e all’Unesco (Il Tirreno)
http://iltirreno.gelocal.it/massa/cronaca/2014/06/17/news/cave-nel-parco-dossier-inviati-alla-ue-e-all-unesco-1.9442560

Le Cave di Carrara ai Bin Laden (Corriere della Sera)
http://www.corriere.it/cronache/14_giugno_18/cave-carrara-bin-laden-c27a2b84-f6eb-11e3-a606-b69b7fae23a1.shtml

Le Apuane trasformate in dentifricio: il più grande disastro ambientale d'Europa (Lo Schermo)
http://www.loschermo.it/articoli/view/29651

_________________
...
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
Annina

Saggio
Saggio


Iscritti

Sesso: Sesso:Femmina
Età: 48
Registrato: 15/08/10 09:07
Messaggi: 529
Annina is offline 

Località: Salsomaggiore Terme





italy
MessaggioInviato: Mar Set 09, 21:20:07    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

Cari amici,



Fai una promessa di donazione per sostenere il movimento che può salvare il pianeta scendendo in piazza il 21 settembre:

2€ 4€ 8€ 16€ 32€

Prometti una somma diversa
Gli scienziati continuano a ripeterlo e non sanno più come dircelo: il cambiamento climatico non significa solo un po’ più di caldo o qualche temporale fuori stagione. Non è un’esagerazione: la nostra stessa *sopravvivenza* è a rischio. Questa è una battaglia per salvare il pianeta.

La nostra biosfera ha un equilibrio precario. Basta scaldarla appena e si scatena un circolo vizioso senza fine. Più si sciolgono i ghiacci artici che riflettono la luce solare, più luce colpirà la Terra, più si alzeranno ancora le temperature, che a loro volta scioglieranno ancora più ghiaccio e così via. Questo circolo vizioso è già iniziato e, se supererà il punto di non ritorno, sfuggirà del tutto al nostro controllo, mettendo a rischio tutti e tutto ciò che amiamo.

Le Nazioni Unite ne sono consapevoli e hanno organizzato un incontro mondiale a New York per affrontare questa emergenza, invitando anche noi e il nostro movimento a partecipare! Ma i nostri capi di stato sono politici, non scienziati e si fanno influenzare dall’opinione pubblica. Leggono i sondaggi, ma poi si chiedono: “Dove sono le proteste? Dov’è la gente a cui interessa tutto ciò?” Il 21 settembre sarà la nostra risposta.

Con migliaia di organizzazioni, dai sindacati ai gruppi religiosi, e centinaia di migliaia di persone già iscritte, stiamo per lanciare la più grande mobilitazione di sempre per il clima, con eventi da New York a Parigi a Rio. Il 21 settembre dobbiamo scuotere il mondo. Per riuscirci, dovremo mobilitare migliaia di organizzatori, inondare le metropolitane e le radio con i nostri annunci e lanciare un’operazione mediatica efficace.

Se 50.000 di noi contribuiranno anche solo con una piccola somma nei prossimi cinque giorni, la nostra iniziativa potrà avere successo. È ora di salvare il pianeta, lanciamo il movimento che può riuscirci.

Clicca qui per fare una promessa di donazione – Avaaz la trasformerà in donazione solo se e quando ne arriveranno a sufficienza:

Sì, PROMETTO 2€

Sì, PROMETTO 4€

Sì, PROMETTO 8€

Sì, PROMETTO 16€

Sì, PROMETTO 32€

Per scegliere una cifra diversa da quelle elencate sopra, clicca qui.

Questa mobilitazione ha uno scopo preciso: dimostrare la nostra partecipazione in massa. Per ben 15 minuti i leader mondiali presenti al vertice dovranno starsene seduti ad ascoltare il nostro messaggio, le foto, i video e le voci dai nostri eventi nel mondo. Più saremo, più forte sarà il nostro appello ai politici a darsi una mossa. New York sarà il centro dell’azione, poiché è là che si svolgerà il vertice ONU, quindi una partecipazione di massa negli Stati Uniti (che sono sempre rimasti indietro nella lotta contro il cambiamento climatico) sarà ancora più potente a livello politico.

Nei prossimi cinque giorni le piccole donazioni da parte di 50.000 di noi ci consentiranno di:
comprare centinaia di spazi pubblicitari nelle radio e nelle metropolitane di New York e altre città chiave
reclutare centinaia di organizzatori che chiameranno a raccolta migliaia di volontari e centinaia di migliaia di manifestanti
allestire un’operazione mediatica di spessore e coinvolgere personaggi famosi, per assicurare la massima copertura media
realizzare eventi ad effetto che attirino l’attenzione dei media
portare davanti alle telecamere i “sopravvissuti del clima” e i rappresentanti delle comunità più colpite per far ascoltare la voce di chi deve affrontare di persona le devastazioni causate dal clima
formare una rete offline di organizzatori, volontari e alleati che rendano ancora più forti e efficaci le nostre campagne nei prossimi anni
Abbiamo solo 3 settimane e non un giorno da perdere per crescere il più possibile. Clicca per fare subito una promessa di donazione, Avaaz la processerà solo se e quando ne arriveranno a sufficienza:

Sì, PROMETTO 2€

Sì, PROMETTO 4€

Sì, PROMETTO 8€

Sì, PROMETTO 16€

Sì, PROMETTO 32€

Per scegliere una cifra diversa da quelle elencate sopra, clicca qui.

Il cambiamento climatico minaccia tutti noi. E ci spinge a lavorare tutti assieme per contrastarlo. Gli ostacoli che abbiamo davanti non sono solo la miopia delle compagnie petrolifere o i politici che queste si comprano, ma anche la nostra stessa volontà: decideremo di sperare, e agire, prima che sia troppo tardi? Facciamola ora questa scelta, e con essa costruiamo un movimento che può salvare il pianeta.

Con speranza,

Ricken, Mia, Antonia, Emily, Ari, Nic, Alice, Emma e tutto il team di Avaaz.

_________________
...
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
Annina

Saggio
Saggio


Iscritti

Sesso: Sesso:Femmina
Età: 48
Registrato: 15/08/10 09:07
Messaggi: 529
Annina is offline 

Località: Salsomaggiore Terme





italy
MessaggioInviato: Mer Set 10, 20:20:52    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

Oggi alle 12:54 PM
Grazie per aver deciso di far parte di questo movimento storico per salvare il pianeta. Ora rendiamo epica questa petizione mandandola a tutti i nostri amici e conoscenti: l’obiettivo sono 3 milioni di firme prima che i leader di tutto il mondo si riuniscano il 23 settembre a New York. Inoltra questa email e condividi il link su Facebook!

Con speranza,
Il team di Avaaz

-------

Cari avaaziani,

posso dire con certezza che questa è la petizione più importante che abbiamo mai lanciato.

Uno dei più importanti scienziati al mondo ha dichiarato da poco che se il riscaldamento globale causerà il rilascio delle gigantesche riserve di gas metano dell’artico, saremo tutti - scusate il termine - “f*ttuti”. E questa non è che una delle molte minacce di catastrofi climatiche che dobbiamo affrontare: l’ONU l’ha capito, e ha convocato i capi di stato di tutto il mondo per un vertice d’emergenza a New York.

Subito prima del vertice scenderemo in piazza in centinaia di migliaia per la Marcia Globale per il Clima. Rendiamolo un giorno storico consegnando la più grande petizione di sempre di Avaaz. Con una richiesta semplice e diretta: portare l’intero pianeta verso il 100% di energia pulita. Cliccate qui per firmare la petizione, e condividetela con tutti:

https://secure.avaaz.org/it/100_clean_final/?tBgiwbb

Dal rischio della ‘bomba al metano dell’Artico’, alla rapida acidificazione degli oceani, fino all’inondazione apocalittica delle coste, il cambiamento climatico è la più grande minaccia per l’umanità, e dobbiamo affrontarla con la campagna più grande di sempre. Se ce la faremo, il numero dei firmatari sarà annunciato di fronte a tutti i leader al vertice, pubblicato su centinaia di mezzi di comunicazione, e consegnato alle istituzioni locali negli eventi in tutto il mondo.

Il 100% di energia pulita è un obiettivo realistico. Già adesso il 20% dell’energia mondiale viene da fonti rinnovabili, e il solare è più economico del carbone in molti Paesi! Dobbiamo solo convincere i nostri leader ad accellerare questo processo già in corso.

Ci stiamo preparando alla più grande mobilitazione per il clima di sempre, il prossimo 21 settembre. Ci sono già migliaia di eventi, con centinaia di migliaia di partecipanti. Ma l’obiettivo di questi eventi è di consegnare questa petizione a chi poi dovrà decidere per i cittadini. Rendiamola enorme, la più grande di sempre. Clicca per unirti e condividilo con tutti:

https://secure.avaaz.org/it/100_clean_final/?tBgiwbb

Siamo tutti diversi, meravigliosamente diversi. Ma chiunque noi siamo, in qualunque posto del mondo, il cambiamento climatico minaccia tutto quello che abbiamo di più caro, e ci unisce gli uni agli altri. Ora è il momento di agire tutti assieme.

Con speranza,

Ricken, Danny, Lisa, Judy, Alex, Iain, e tutto il team di Avaaz

_________________
...
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
Mostra prima i messaggi di:   
Nuovo Topic   Rispondi    Indice del forum -> Annina's Corner: di tutto un po'... Tutti i fusi orari sono GMT + 1 ora
Vai a pagina Precedente  1, 2, 3, 4, 5, 6, 7, 8, 9, 10  Successivo
Pagina 9 di 10

 
Vai a:  
Non puoi inserire nuovi Topic in questo forum
Non puoi rispondere ai Topic in questo forum
Non puoi modificare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi cancellare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi votare nei sondaggi in questo forum
Non puoi allegare files in questo forum
Non puoi downloadare files da questo forum





Taverna dei Briganti topic RSS feed 
Powered by MasterTopForum.com with phpBB © 2003 - 2008